Stefania Magni

Sono una creativa e un ex iperattiva. Concentrarmi su lavori manuali, per me, è sempre stato l’unico modo per riposare la mente. Poi ho scoperto lo yoga e ho imparato a rallentare. Ho imparato a pazientare e ad apprezzare il silenzio e l’immobilità. Pratico da dieci anni come allieva, pratico dal 2017 come insegnante, dopo gli anni di formazione al “Laboratorio”. Il mio yoga usa il corpo ma lo rispetta; rende flessibili, ma non spezza; tonifica, ma non stanca. Il mio yoga ricerca la presenza mentale: quella massima attenzione interiore che esclude il caos esteriore e regala serenità.